Dal 15 maggio a Firenze i 'guru mondiali del vino’

(ANSA) - Firenze, 14 mag. - Per la prima volta in Italia il Simposio dell’Institute of Masters of Wine, ottava edizione della quattro giorni che raduna “i guru mondiali del vino”, operatori e i più autorevoli esperti del settore dal 15 al 18 maggio (Firenze, Palazzo dei Congressi), in partnership con l’Istituto del vino Grandi Marchi. Tra i temi del confronto internazionale marketing globale e nuove frontiere della ricerca vitivinicola, sviluppo sostenibile, grandi sfide della viticoltura mondiale alla luce dei cambiamenti climatici. Ma anche vino e nuovi media, “scienza contro fede” (alias metodi biodinamici vs tecniche di vinificazione avanzate), rinascita delle denominazioni classiche e vitigni autoctoni.

Sono questi alcuni dei macrotemi al centro del Simposio “Identità, Innovazione e Immaginazione”, che dopo oltre 30 anni di tappe nel mondo debutta in Italia con 413 delegati, di cui 118 Master of Wine (del prestigioso Istituto londinese in grado di influenzare i canali di sbocco di tutta la filiera), per fare il punto sugli scenari futuri di un comparto che solo nel nostro Paese vale 12 miliardi di euro. “Una partecipazione record inaspettata – ha detto Piero Antinori, presidente dell’Istituto Grandi Marchi – che conferma l’interesse dell’accademia di Londra nel conoscere meglio la nostra cultura enologica e allo stesso tempo è espressione della volontà degli operatori italiani di affermarsi maggiormente anche come opinion leader del settore”. 

Tra i contributi, anche quello di Gerard Basset (unico uomo al mondo a essere contemporaneamente Master of Wine, Master Sommelier e Master of Business Administration in Wine), già vincitore del titolo di Miglior Sommelier del Mondo nel 2010 (17 maggio ore 11:15). Chiudono l’evento, domenica 18 maggio, la testimonianze di 5 leggende, tra le figure più influenti del mondo del vino (da Bill Harlan, fondatore di Harlan Estate a Stephen Henschke proprietario di Henschke), che condivideranno le loro esperienze personali, per dare uno spunto sul tema “Identità, Innovazione, Immaginazione – Viaggi Ispirazionali”. (ANSA)